Marigliano: Monastero di S. Maria la Nova (Palazzo Comunale di Marigliano)


Monastero di S. Maria la Nova – oggi Palazzo Comunale di Marigliano (NA)

L’attuale Palazzo del Comune era sorto, insieme all’adiacente chiesa del SS. Sacramento, come monastero dei monaci verginiani intitolato a S. Maria la Nova. Secondo alcuni studiosi il monastero sarebbe esistito già dal 1134, in seguito al trasferimento di alcuni religiosi dalla vicina grangia di Castello di Cisterna; secondo altri la formazione del convento di Marigliano è da far risalire al 1296, quando un gruppo di monaci provenienti dall’Abbazia di Montevergine prese possesso dei beni lasciati all’Abbazia da Orlando Manescalco.

Il primo impianto del complesso era costituito dal Monastero, dall’ “Hospitale” e dalla Chiesa.
Col passare degli anni il Monastero si andò ampliando, acquisendo case ed orti adiacenti, fino al XVIII secolo quando assunse l’attuale configurazione. Nel 1807, in seguito alla soppressione degli Ordini Religiosi i beni dell’Ordine furono incamerati dalla Generale Direzione dei Demani e successivamente furono concessi in affidamento al Comune di Marigliano. Nel 1862 l’edificio fu trasformato in sede scolastica e di altri uffici pubblici, e dal 1870 diventò sede definitiva del Comune. L’aspetto attuale in stile neoclassico è frutto di un intervento di consolidamento del 1930. In seguito al sisma del 1980 l’edificio ha subìto necessari lavori di consolidamento, che hanno alterato alcune caratteristiche della vecchia struttura.

I primi documenti certi che parlano dell’evoluzione del monastero risalgono al 1555, parlando di “una casa terranea coperta a tetti, con cortile, pozzo ed altro, vicino alla chiesa di detto monastero” . Nel 1574 il monastero comprò un ospizio di case attigue, e nel 1583 fu completata la costruzione della chiesa cinquecentesca, di cui restano a tutt’oggi il portale in piperno e la cupola di forma ovoidale con copertura a tegole. Nel 1588 fu costruito un nuovo dormitorio sul lato sud-ovest, nel 1604 se ne costruì un altro sul lato est. Nel 1617 fu costruito un nuovo dormitorio al primo piano, dietro la cupola e, nel corso del XVII secolo, furono costruite altre stanze al primo piano, destinate ad appartamento badiale, foresteria, archivio e biblioteca.

Nel XVIII secolo il Monastero assume l’attuale configurazione, con la sopraelevazione del secondo piano. L’edificio fu oggetto, nel 1930, di un radicale intervento di consolidamento, restauro e ridisegno della facciata ad opera dell’Ing. Fausto Iodice. La nuova facciata in stile neoclassico a tre piani è divisa in sei campate da grandi lesene che sorreggono il cornicione. La parte centrale viene messa in risalto dal portale ad arco, dal balcone balaustrato al secondo piano e dall’orologio che funge da coronamento.

 

Tipologia: Monastero – Complesso architettonico dove dimorano comunità di monaci

Epoca: XVIII secolo, su una preesistente struttura

Indirizzo: Piazza Municipio, 284 – Marigliano

Inquadramento urbanistico: L’edificio è ubicato nel centro storico di Marigliano, prospiciente piazza Municipio e adiacente alla chiesa del SS. Sacramento, nell’insula compresa tra Via Giannone, Piazza Castello, Via Roma e Via Montevergine.

Fonti Bibliografiche: A. ESPOSITO – G.VILLANO, Marilianum ’96. Riscoperta storico-artistica della città, Comune di Marigliano, 1996

Stato di conservazione: Discreto

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...