Bacheca

Inserisci qui i tuoi post su notizie, eventi, manifestazioni a Marigliano e dintorni

Puoi scrivere su questa pagina usando il tuo account Facebook, Twitter o WordPress.
– clicca nel campo “Lascia un commento” (in fondo alla pagina) e, tra le icone che compariranno in basso a destra, scegli quella relativa al social network che vuoi utilizzare
– scrivi il commento e premi il tasto “Invia il commento”

30 pensieri su “Bacheca”

  1. Dignità, occupazione, abitazione e reddito. Il caso di Gaetano Franzese.

    Parlare nel 2013 in Italia di diritto al cibo, alla salute, alla casa, della tutela cioè dei bisogni elementari di sopravvivenza e di esistenza sembra assurdo per quelle realtà sociali come la nostra che si definiscono sviluppate, avanzate e democratiche, le cosiddette “società del benessere”. Quando se ne parla il pensiero ci conduce piuttosto verso le realtà del Terzo Mondo, ogni tanto rievocate dalle pubblicità compassionevoli che trasmettendo le immagini del povero bambino nero cercano di sensibilizzare la coscienza del pubblico del Primo Mondo.

    Ma oggi l’arretramento sociale è tale che si è passati anche in Italia e soprattutto al sud a rivendicare i primordiali diritti esistenziali che il movimento operaio italiano aveva conquistato nel dopoguerra attraverso le mobilitazioni in sostegno del diritto al lavoro, considerato la base della dignità dell’uomo. Si è spesso abituati a sentire casi di immigrati che vivono in condizioni di forte indigenza e non siamo abituati ad immaginare casi simili di persone che sono nate e vivono sul nostro territorio da anni. Ebbene ce ne sono tante, pure a Marigliano.

    Risulta emblematico il caso di Gaetano Franzese, 58 anni, trovatosi da un anno e mezzo senza residenza e senza lavoro. Vedovo, padre di tre figli tutti sposati ma con problemi economici che cercano di aiutarlo per quanto possono, è costretto ad arrangiarsi da alcuni mesi in un locale in disuso situato all’uscita del parcheggio comunale nei pressi della vecchia stazione delle Ferrovie dello Stato di Marigliano. Tempo fa Gaetano aveva cercato ospitalità per la notte nello chalet alle spalle della Villa Comunale ma da lì è dovuto andare via a causa delle lamentele sollevate da alcuni degli anziani che frequentano la struttura e si è adeguato dormendo all’aperto. Adesso perlomeno dorme in un lettino all’interno di una umida stanzetta senza acqua né servizi igienici, un immobile appartenente alle FS occupato e ristrutturato alla buona da Gaetano che di tanto in tanto usa un fornellino da campeggio per riscaldarsi il vitto. Ha chiesto un sostegno al Comune, ai politici, agli imprenditori locali e all’assistente sociale ma l’unico aiuto che ha ricevuto finora gli è stato garantito dalla Chiesa che gli fornisce il servizio mensa per un pasto al giorno, il pranzo (servizio tra l’altro che verrà sospeso in estate).
    Chiede la casa ma chiede soprattutto un lavoro per poter vivere dignitosamente e pagare magari un affitto. Ha lavorato per anni come operaio edile addetto alla stuccatura, si sente ancora forte e vorrebbe continuare a guadagnarsi da vivere con il suo mestiere ma ormai si sa quanto è difficile trovare occupazione anche nel settore edilizio spesso diretto da imprenditori senza scrupoli che preferiscono sfruttare a nero manodopera locale o immigrata a basso costo e maggiormente ricattabile. Purtroppo Gaetano non ha santi in paradiso ma speriamo possa trovare compagni su questa terra che gli siano d’aiuto.

    Facciamo allora un appello innanzitutto alle istituzioni affinché possa essere preso in considerazione il caso di Gaetano Franzese per l’assegnazione di un lavoro (abitualmente riservato solo ai soliti clienti dei notabili locali) che gli possa garantire un reddito dignitoso e di una abitazione (sul territorio ci sono case sfitte da anni e case popolari occupate da famiglie legate alla camorra le quali addirittura ne possiedono più di una).

    Il caso di Gaetano non è isolato e chi vive la strada conosce tante persone che si trovano nelle sue stesse condizioni, eppure non bisogna rassegnarsi a questo stato di cose. C’è tanta gente senza casa ma ci sono anche tante case senza gente. C’è tanto lavoro ma i capitalisti non vogliono distribuirlo perché non vogliono distribuire la ricchezza. Crediamo quindi che il diritto al lavoro e alla casa sia un diritto fondamentale dell’esistenza umana da garantire a tutti, italiani e immigrati. Contro la guerra tra poveri sosteniamo le nostre parole d’ordine:
    La casa è un diritto. Il reddito per tutti. Lavorare meno. Lavorare tutti!

    Circolo Partito della Rifondazione Comunista Marigliano

  2. CIRCOLO DELL’UNIONE
    Marigliano fondato nel 1870
    Nel quadro degli eventi previsti dalla programmazione delle attività culturali e della rassegna
    IL CIRCOLO INCONTRA…….
    La Cittadinanza è invitata a partecipare il giorno 10 maggio alle ore 19.00 nei locali del sodalizio che ospiterà il Prof. Sen. ALDO MASULLO – Docente Emerito di Filosofia all’Università di Napoli – per una conversazione sui principali temi sociali di attualità

    Il Presidente
    Rag. Roberto Leonessa

  3. Mancano solamente tre partite e alla Mariglianese calcio basta una sola vittoria per vincere il campionato di promozione ed accedere al campionato di eccellenza. Dopo 35 anni ritorna a Marigliano il calcio che conta.

  4. con la splendida vittoria per 2 a 0 in quel di Venticano la mariglianese calcio consolida la sua posizione di prima della classe nel campionato promazione girone c a – 7 sulla seconda classificata. Mancano 5 partite al termine del campionato.Adesso più che mai bisogna essere concentrati e pensare alla insidiosissima trasferta di Lioni

  5. L’aria sta cambiando e il MoVimento ha ampiamente dimostrato in Sicilia di fare i fatti e non solo le parole come tanti piccoli partiti che fino ad adesso non hanno fatto niente, finalmente c’è stato un voto coscenzioso e con il passare del tempo tutti potranno vedere i cambiamenti, non mi dilungo più di tanto e termino lasciando un commento di un giovane deputato M5S: Secondo me in Italia si è perso il senso delle PAROLE .
    Fiducia e Responsabilità.

    Per iniziare ci tengo a dire che la situazione attuale mi ricorda il periodo in cui ci “massacrarono” perchè “DOVEVAMO” fare l’alleanza con De Magistris a Napoli o con Ferrero alle regionali del 2010. Vi devo ricordare come è andata a finire? Basti vedere il risultato di Rivoluzione Civile a Napoli e del suo primo sostenitore. Poi andate a vedere Parma, dove il Sindaco 5 Stelle governa senza alleanze e compromessi, e dove a questa tornata ha avuto quasi il doppio dei consensi da parte dei cittadini, rispetto alle amministrative del 2011.

    Premetto inoltre che sono inondata da centinaia di email di cittadini che scongiurano qualsiasi fiducia a Bersani. Poche sono quelle che incoraggiano in tal senso. Ma è solo un dato statistico.

    Detto questo, torniamo alla fiducia.
    Io dovrei dare la mia FIDUCIA incondizionata ad un Governo in cui il ministro dell’economia va in Europa a RAPPRESENTARCI e a perseverare in questa folle politica monetaria senza che io possa determinarne l’operato? Io dovrei dare la mia fiducia ad un ministro del lavoro che con un regolamento o una circolare può determinare la sorte di decine e decine di lavoratori nel pubblico impiego o nelle imprese?
    Io dovrei dare la mia fiducia ad un ministro dell’interno che potrebbe mettere le forze dell’ordine contro i cittadini in un qualsiasi momento?
    E chi mi assicura che dopo il voto di fiducia non inizino a votarsi le leggi con il PDL come hanno sempre fatto? (scudo fiscale, legge fornero, non modifica della legge elettorale, etc etc). Io dovrei essere complice di un inciucio che va avanti da 20 anni e che ora fingono non esista scaricando la “patata bollente” al Movimento 5 Stelle?
    Tutto questo perché se RIfanno l’inciucio, scompaiono per sempre dalla scena politica? Ma a chi la danno a bere.

    Allora forse non è chiaro il senso della parola “fiducia”.
    Fiducia è un termine che esprime il “confidare nelle altrui o proprie possibilità e che generalmente produce un sentimento di sicurezza e tranquillità”.
    Io di quella gente non mi sono mai fidato e soprattutto non mi ispira alcuna tranquillità, possono promettermi ciò che vogliono, ma è gente falsa che ha tenuto in vita “il nano” per decenni. E che mi ha fatto capire di che pasta sono fatti i partiti, tutti.

    Voi vi fidereste di gente che fino a ieri vi ha chiamato “fascista” e ora vi chiama “RISORSA”? Vi fidereste di gente che ha determinato lo scandalo “monte dei paschi di siena”? Che ha partecipato allo scandalo degli F35 votando il finanziamento per 10 miliardi? Che manda i poliziotti (che fanno il loro lavoro) conto i cittadini della Val di Susa? E che soprattutto, dopo aver incassato la fiducia, potrebbe iniziare a operare per decreti legge, convertiti dalla maggioranza pd + pdl usando la sponda mediatica delle tv che continueranno a ripetere la parola “responsabilità” senza conoscerne il significato?
    IO NO!

    Ci dicono che così saremmo degli “irresponsabili”….bhe preferisco spendere soldi per una nuova elezione, piuttosto che essere complice di danni da 10 miliardi di euro come l’f35 su cui pd e pdl convergono, o da 20 miliardi di euro come la “bipartisan” TAV in Val si Susa.

    Noi non abbiamo vinto le elezioni per poco, ma in ogni caso i cittadini non ci hanno dato il mandato di governo. Nonostante non fossimo in coalizione abbiamo raggiunto il 25% dei consensi. Per 3 punti percentuali non abbiamo raggiunto il premio di maggioranza alla camera e per un punto non abbiamo raggiunto il premio di maggioranza al senato in Sicilia. Non serve il 50% per governare in Italia. Almeno con l’attuale legge elettorale.
    Volete veramente ancora dirci che “non governeremo mai” quindi ci dobbiamo per forza alleare? Ma chi ci crede più. Con una sola lista siamo arrivati ai livelli delle coalizioni di PD e PDL, senza soldi e senza tv. E sono sicuro che chi ha votato questo movimento non si fidava più di quella gente almeno quanto me.

    Il governo in questo Paese rappresenta l’esecutivo. Tutt’ora, nonostante sia caduta la vecchia legislatura, i ministri di Monti continuano a stare in carica e ad emanare provvedimenti porcata. Dare la fiducia non significa averli in pugno, significa dargli l’opportunità (dopo) di votarsi le porcate con il PDL come hanno sempre fatto.
    PD e PDL sono e saranno sempre le facce della stessa medaglia. Lo saranno per sempre. Lo dimostra il fatto che Berlusconi lo potevano fa scomparire 15 anni fa, semplicemente con una Legge sul conflitto d’interessi. E io di questa gente dovrei “RESPONSABILMENTE FIDARMI”?

    Non siamo arrivati fin qui per fidarci di loro. Questa gente deve diventare minoranza. Voglio un governo a 5 stelle. O in maggioranza, oppure tema per tema, legge per legge. Li metteremo alla prova, li metteremo nell’angolo sui temi che “non potranno non votare”, sfrutteremo la loro paura di scomparire per costringerli a votare i nostri provvedimenti, alla fine dovranno votare Leggi che li faranno scomparire in ogni caso, è praticamente il “loop” in cui non vogliono entrare.

    Oggi media e partiti ci chiamano “risorsa”, “interlocutori”. Ieri ci chiamavano “fascisti”, “populisti”, “senza-programma”. Falsi erano e falsi rimangono. Per tutto il resto ci sono le alleanze prima delle elezioni, quelle che non abbiamo mai voluto fare, quelle che non sono nel DNA del Movimento, concetto che forse qualcuno non aveva capito bene. Abbiamo sempre pensato che si dovesse proseguire da soli. Senza compromessi, ci siamo quasi riusciti. Questo movimento ci ha abituato che tutto è possibile.
    E’ una rivoluzione pacifica. L’obiettivo non è arrivare in Parlamento e restarci, è cambiare drasticamente questo Paese. Senza fidarsi più dei vecchi partiti e soprattutto delle vecchie logiche.
    E’ SOLO IN QUESTO CHE DOBBIAMO AVERE FIDUCIA.

    LUIGI DI MAIO

  6. Rifondazione Comunista: Un’analisi del voto nella città del “Mariglianese D.O.C.”

    A Marigliano le politiche della recente tornata elettorale sono state senza dubbio stravinte dal Movimento 5 Stelle che con il 22,6% alla Camera (3.646 voti) e il 20,7% al Senato (2.924 voti) conferma la tendenza nazionale a suo favore che per i due rami del Parlamento gli assegna rispettivamente il 25,5% e il 23,8%.
    Per quanto riguarda la lista che abbiamo sostenuto, Rivoluzione Civile – Ingroia, i risultati nazionali sono stati deludenti (2,2% alla Camera, 1,8% al Senato) e non siamo riusciti a raggiungere l’ambìto 4% alla Camera che ci avrebbe garantito una rappresentanza istituzionale dopo 5 anni di assenza dal Parlamento. A livello locale il dato deludente è stato riconfermato dal fatto che, a eccezione della città-operaia di Pomigliano d’Arco e di pochi altri comuni del territorio non siamo riusciti a superare quella soglia del 4%. A Marigliano, città certamente non rossa ma democristiana fin nel profondo dell’indole, Rivoluzione Civile è riuscita perlomeno a mantenere la maggior parte dei propri consensi di sinistra totalizzando il 3,2% (514 voti) alla Camera e il 2,9% (414 voti) al Senato, grazie ad un elettorato proveniente, come è possibile dedurre da un confronto con le votazioni delle regionali del 2010, in maggioranza da Rifondazione Comunista e Verdi, e solo in piccola parte da Italia dei valori, l’altro partito sostenitore della lista di Ingroia, pressoché assente sul territorio mariglianese, che però aveva ottenuto alle regionali del 2010 ben 601 preferenze. È assai probabile dunque che, di queste, circa 400 e passa siano state intercettate dal Movimento di Grillo (negli anni scorsi molto vicino a Di Pietro) il quale intanto ha strappato voti anche alla sinistra comunista e ambientalista.
    Se allora è possibile ipotizzare che circa 500 voti siano pervenuti al M5S dalla sinistra e dall’Idv ci resta da rispondere ad una importante domanda: ma da dove vengono le altre 2.500 preferenze e oltre totalizzate da Grillo?
    Il “fattore Tommaso Barbato”
    Sempre da un confronto con i dati delle regionali 2010 potremmo affermare in prima battuta che i due grandi partiti, figli dello sciagurato bipolarismo, Pd e Pdl, abbiano non solo confermato le loro prestazioni ma le abbiano addirittura incrementate di qualche centinaio di voti: il Pd passa dai 3.400 del 2010 ai 3.657 delle politiche (al Senato) e il Pdl passa dai 4.182 del 2010 ai 4.304 delle politiche (ancora al Senato). Potremmo così concludere sbrigativamente, ma finora le deduzioni non hanno tenuto conto del pesante “fattore Tommaso Barbato”, il sempiterno onorevole memorabile per le sue intemperanze salivari. D’altro canto in passato abbiamo con forza sostenuto che l’orientamento elettorale del cittadino mariglianese standard, “il Mariglianese D.O.C.”, non può prescindere dalle indicazioni di voto dei personaggi Paolo Russo e Tommaso Barbato. Ma mentre per il primo tralasciamo questa volta di soffermarci, per il secondo ricordiamo che alle scorse regionali aveva ottenuto, in coalizione con il centro-destra, ben 1752 voti, candidando nella lista Noi Sud – Libertà e autonomia il giovanissimo figlio Francesco, campione di preferenze (e poi i grillini si lamentano che i partiti candidano pochi giovani!): che fine ha fatto allora quel bel pacchetto? Dal momento che in occasione delle recenti politiche Tommaso Barbato ha dichiarato il suo appoggio al partito di Bersani (cosa che molti sostenitori del Pd hanno considerato, più di un beneficio, un danno per il proprio partito) ciò vuol dire che almeno 1000 voti del suo pacchetto (gli altri saranno andati al centro-destra) sono passati ai democratici provocando il conseguente slittamento di circa 1000 voti verso il M5S. Ecco allora da dove proviene il grosso delle preferenze grilline: dal Pd, il quale secondo questa lettura avrebbe confermato i consensi del 2010 solamente grazie all’apporto dei voti di Barbato.
    Le altre preferenze grilline poi provengono dal centro-destra e dal centro le cui coalizioni in fin dei conti, al di là dei dati dei singoli partiti, hanno perso altre centinaia di voti.
    L’importanza di una presenza politica di sinistra
    In calce a questi approssimativi ma significativi calcoli ci resta da dire che siamo felici per l’affermazione del M5S il quale ha presentato nel suo programma molti dei punti che la sinistra sostiene da anni (la trasparenza istituzionale, il reddito minimo garantito, il no agli inceneritori, la difesa della gestione pubblica dell’acqua, il no alla Tav e alle grandi opere, il taglio delle spese militari) e speriamo possa convergere in futuro sulle nostre posizioni anche quando si parlerà di opporsi all’aumento dell’età pensionabile (anche se dalle ultime dichiarazioni sembra che Grillo voglia tagliare le pensioni insieme agli stipendi dei dipendenti pubblici!), di ripristinare l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori (anche se sappiamo che Grillo ha dichiarato di voler abolire i sindacati!), di sostenere l’antifascismo (anche se Grillo e alcuni dei suoi deputati hanno mostrato preoccupanti tendenze razziste e revisioniste!), di istituire una tassazione sui grandi patrimoni che non colpisca solo i politici (anche se Grillo vuole considerarli i principali esponenti della “casta” eliminando con questa categoria il concetto di “classe”!) ma anche i ricchi manager, i dirigenti, gli imprenditori e i milionari in generale, classe a cui appartengono gli stessi Grillo e Casaleggio.
    Crediamo dunque nella necessità della presenza politica e istituzionale della sinistra organizzata che ha espresso ben prima di Grillo molte delle istanze sociali portate avanti oggi dal M5S ma anche tante proposte progressiste ignorate da un movimento che, dicendo di prescindere da impostazioni ideologiche e dalla distinzione di destra e sinistra (una superficiale teoria che costituisce essa stessa una nuova ideologia) ha cancellato la storia e diffuso tra la gente un’illusione. Eppure Antonio Gramsci, un comunista oltre che un intellettuale, ci ha insegnato che «L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva; la storia insegna e non ha scolari». Soprattutto oggi gli scolari rimasti rappresentano una piccola minoranza del popolo italiano. Una minoranza destinata però a farsi avanguardia.
    Circolo Prc Marigliano

    1. Pesanti insinuazioni nei confronti di una forza politica quale il M5S che non ha avuto e mai ne avrà bisogno di demagogi, o uomini di potere, per giustificare il suo risultato elettorale a Marigliano. Questa è un’analisi farlocca fatta più per cercare di gettare fango sul M5S che per capire le motivazioni che hanno spinto i cittadini a votare liberamente per il M5S. Inoltre si denota una grave ignoranza nei confronti dell’attuale situazione socio-politica sia locale che nazionale, ed infine è un’offesa grave verso i cittadini che hanno scelto di votare per il M5S.

  7. SULLA DONNA, CON LA DONNA PER LE DONNE:
    Donne protagoniste, nella storia, nella letteratura, nell’arte…..
    Centro di Cultura “S. Quasimodo”
    Presidente, prof.ssa Viola Esposito

    Articolo a cura di Antonio Federico e Giovanna Giaquinto

    Un composito mosaico di esperienze, l’alacre formicolio di menti laboriose ed attente, la passione per l’arguta riflessione attuale e prospettica: tutto questo messo a servizio dell’arduo compito di celebrare “la donna” nel suo multiforme divenire.
    Quella di stasera non è stata l’ennesima occasione per parlare di cliché, ma un incontro meditato e costruito per parlare alle donne, delle donne, con le donne. La sala Consiliare è divenuta luogo di un’inestimabile opportunità: tracciare un quadro critico e disciplinarmente trasversale della donna, senza risparmiare risorse e parole.
    E così si comincia con la donna biblica delineata dal preciso quadro offerto da Don Lino D’Onofrio. Trattasi di una donna forte, capace di affidarsi e di far germogliare negli altri la fiducia; di una femminilità istintiva e profonda che, messa al servizio del bene divino, diviene principale veicolo di costruttività e generatività.
    Si passa poi alle sferzanti parole della dott. ssa Enza Del Giudice, parole che descrivono la violenza subita, non denunciata, in parte oscura, da cui sono braccate oggi le donne. Il tutto suona al contempo come una denuncia alla società e come volontà di autocritica severa. Il messaggio è chiaro: essere donna significa avere la forza di reagire, di denunciare, di recuperare una dimensione di valore ed importanza troppo spesso dimenticata, di riscoprirsi soggetto, non più oggetto.
    Infine, al Prof. Giuseppe La Rocca tocca l’arduo compito di analizzare la figura della donna nella storia della letteratura; dallo scrivere con vibrante sentimento di Saffo, alla poetica dell’orgoglio femminile di Dacia Maraini. Nelle parole del Presidente della Consulta delle Associazioni del Comune di Marigliano si scorge la forza di chi vuole restituire alla “penna femminile” il posto che gli compete nel panorama internazionale della letteratura e dell’arte.
    Il tutto ci restituisce un’immagine viva e vivida di una donna fedele a se stessa e ai propri principi, forte delle proprie convinzioni e desideri, capace di difendersi e pronta a conquistarsi i propri spazi attraverso i propri meriti. Un quadro a cui tutti i presenti hanno contribuito, con “pennellate” di riflessione concreta e partecipata, con determinazione e con la volontà di seminare il germe del pensiero critico e costruttivo. E, come metafora perfetta, il tutto si pregia della “cornice” artistico-scenografica che ha accompagnato la serata: dipinti, proiezione di elaborati a tema, ed una sfilata, coordinata dalla Prof. ssa Anna Monda, dell’istituto “Ipia Ferraris”, e dalla scuola media “Elia Aliperti”,… dal sapore retrò, attraverso il coinvolgimento dei giovani allievi, e, dalla scuola media “Elia Aliperti”, coordinata dalla prof.ssa Lina De Cicco. Ciò ha il merito di operare al contempo una sensibilizzazione delle “verdi” coscienze e di coinvolgerli nell’organizzazione di un lavoro focalizzato.
    Donne, per concludere, sviscerate nelle loro sfaccettature, viscerali nelle loro dimensioni del sentire, “… libere infine di essere […] intere, forti, sicure, donne senza paura.” ( da “Donne mie” di Dacia Maraini).

    Marigliano, lì 06/03/2013
    Antonio Federico
    Giovanna Giaquinto

  8. Domenica 03.marzo allo stadio Comunale di Brusciano(purtroppo) la Mariglianese calcio ha travolto con un perentorio risultato di 3 a 1 il San Tommaso e mantiene sempre il primo posto in classifica nel campionato di promozione girone C. Stadio pieno,gente festosa alla fine della partita per la bella e sofferta vittoria. L’unica nota stonante l’arbitro il sig. Acanfora da Castellammare di Stabia evidentemente in giornata no

  9. Settimana intensa e delicata per la Mariglianese calcio che domenica 03 Marzo ospita il San Tommaso.
    Lo stadio Comunale di Brusciano sarà il teatro di questa bellissima sfida al vertice
    Invitiamo tutti i tifosi mariglianesi a raggiungerci allo stadio comunale di Brusciano domenica 03.marzo ore 15.00

  10. Martedì 19 Febbraio dalle ore 18:30 alle 20:30
    Presso la “Sala Consiliare” del Comune di Marigliano, Corso Umberto I Piazza Municipio (NA).

    E’ ora che le parole diventino fatti! ” Nessuno deve restare indietro”.

    Gli attivisti del movimento 5 stelle di Marigliano vi invitano ad un momento d’ incontro e di confronto con i candidati del Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni Politiche.

    Loro saranno la nostra voce in Parlamento, ognuno con la propria specialità e competenza nei vari ambiti professionali, noi li seguiremo passo passo non li perderemo mai di vista!

    I candidati del movimento 5 stelle sono “comuni cittadini” come noi, non politici di professione, ma persone che si interessano alla vita politica dentro il sistema, usando la trasparenza e la visibilità del web e delle piazze. Un azione che realizza in pieno il concetto di DEMOCRAZIA ( dèmos=popolo – cràtos= potere )termine tanto antico ma attualissimo, dove le decisioni di un paese venivano prese nei luoghi accessibili a tutti e di tutti.

    Un politico che è lontano dalla quotidianità della vita comune di un popolo, non può comprenderne il bisogno e l’inesorabile desiderio di una vita DIGNITOSA”. MANDIAMOLI TUTTI A CASA! Riprendiamoci l’aria pulita, l’informazione libera, l’istruzione pubblica, un lavoro dignitoso, parchi, ospedali e mezzi pubblici. La partecipazione alla vita pubblica è un nostro dovere!

    Per conoscere i candidati ecco i Link dei candidati del M5S di Napoli e provincia:
    https://www.beppegrillo.it/votazioni/candidati/circoscrizione_19.html
    candidati M5S di tutta Italia:
    https://www.beppegrillo.it/votazioni/candidati/elenco_circoscrizioni.php

    per contribuire alla stesura del programma iscriversi su: http://www.movimento5stelle.it

  11. Il M5S contro i manifesti abusivi

    Il MoVimento 5 Stelle di Marigliano ha protocollato un’istanza al Comune per chiedere l’immeditata defissione dei manifesti affissi al di fuori delle superfici assegnate. Il M5S fa notare come anche sui tabelloni numerati le regole non vengono rispettate dai partiti, infatti, il MoVimento 5 Stelle che ha affisso i manifesti nei propri spazi ed è stato già più volte ricoperto.
    E’ iniziata la guerra della carta straccia! si combatte su muri e lamiere, ogni angolo è perfetto per imbrattare i muri delle nostre città, già poco pulite, con i manifesti di faccioni tirati a lucido e rigorosamente abusivi, e promesse allettanti di legalità e onestà si spargono in ogni dove, i partiti si spalmano ovunque per essere sicuri di raggiungere proprio tutti per ricordare agli elettori chi votare. D’altronde potrebbero confondere le sigle aggiungendo o sottraendo consonanti, meglio essere chiari! Non è demagogia, è un reato perpetuato da coloro che si propongono come amministratori della cosa pubblica nelle istituzioni.
    Chi, come noi, al contrario, ha scelto il rispetto della legge anziché la sua sistematica violazione, di fatto si vede sottrarre la possibilità di fare propaganda. Ma da cittadini ci chiediamo: se già in campagna elettorale i candidati violano la legge, certi dell’impunità dalla stessa, se saranno eletti perché si dovrebbero comportare diversamente?
    Segnaleremo tutti i manifesti elettorali abusivi che riscontreremo nelle vie cittadine alla Polizia Municipale che ci auguriamo provveda a fare gli accertamenti del caso; ma la cosa avvilente è che Comune non provvede minimamente alla rimozione, non reagisce, dovrebbe, invece, garantire le pari opportunità tra tutte le forze politiche presenti alla competizione elettorale e una città pulita e dignitosa.
    Chiediamo ai trasgressori della normativa di comportarsi come gli altri cittadini, rispettando le regole. Sappiamo però che anche quando la multa arriva, i partiti pagano le sanzioni con i soldi dei rimborsi elettorali, gli stessi soldi utilizzati per stampare i manifesti, ossia i nostri.
    Il Movimento 5 Stelle si batte per la difesa e il decoro del territorio in maniera coerente e trasparente, il Movimento 5 Stelle è partecipazione, è interessarsi della cosa pubblica, è legalità, è metterci la faccia nel rispetto dell’ambiente e delle regole. Fatti, non parole!
    MoVimento 5 Stelle Marigliano

  12. TUTTI IN PIAZZA PER IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI
    E’ tempo di maschere, coriandoli, paillettes e brillantini. Il carnevale è sicuramente una delle feste più amate dell’anno che coinvolge grandi e piccoli e durante la quale è lo spirito del divertimento a prendere il sopravvento. Nel giorno di Martedì grasso, ma già da qualche giorno prima, le strade delle città si riempiono di luci e colori. Ma quest’anno, a Marigliano, tra la folla di gente in maschera spiccheranno i volontari dell’associazione animalista “Amico Fedele Marigliano” che, soprattutto durante le ricorrenze, continuano instancabili la loro attività perché, si sa, i problemi che affliggono i loro preziosi amici non conoscono tregua.
    L’evento si svolgerà nelle giornate di Sabato 9 e Domenica 10 Febbraio in piazza Municipio a Marigliano. Sabato sera a partire dalle ore 21:00 si esibiranno le bands musicali: One Shot, Free Bird e altri gruppi emergenti che si sono offerti di allietare la serata con la loro musica per accompagnare l’attività di raccolta fondi che si svolgerà sotto lo stand dell’associazione collocato nella medesima piazza.
    La mattinata di Domenica, sarà animata dalla recitazione di poesie scritte dal poeta Vincenzo Cerasuolo esclusivamente per l’occasione, karaoke, baby dance e truccabimbi, animazione e pesca di beneficenza organizzate dai volontari. Durante l’evento interverrà la dottoressa psicologa Chiara Catapano con il “Cerchio della vita”: un’esperienza di laboratorio ludico-espressiva per bambini dai 6 ai 10 anni per imparare attraverso il gioco ed il divertimento il rispetto per ogni essere vivente.
    Ai primi 10 proprietari di cani che parteciperanno all’evento, verrà data la possibilità di far inserire gratuitamente al proprio cane il microchip identificativo. L’applicazione del microchip sottocutaneo, da parte di un veterinario, ha le dimensioni di un chicco di riso, oltre ad essere obbligatorio per legge, risulta molto utile in caso di smarrimento dell’animale, senza il quale, invece, rischierebbe di andare ad aumentare il numero dei randagi vaganti per la città.
    I volontari hanno pensato di unire l’utile al dilettevole: approfittando delle migliaia di persone che si riverseranno per le strade a divertirsi, cercheranno di portare la loro attenzione sui problemi degli animali che necessitano di aiuti per poter sopravvivere. Pur in un’atmosfera di svago, le attività dell’associazione hanno sempre lo stesso obbiettivo: aiutare gli animali vittime dell’abbandono e del maltrattamento. Trovare adottanti è complicato, ma anche prendersi cura di tutti i “trovatelli” è altrettanto difficile da un punto di vista economico, se si pensa che molti dei volontari sono studenti.
    Il fenomeno del randagismo riguarda tutta la comunità; pertanto tutti i cittadini dovrebbero essere spinti da quell’imperativo morale che li fa sentire responsabili della salvezza di questi esseri indifesi. E’ giusto darsi una mano, sentirsi parte di un progetto comune, perché insieme è possibile dare una speranza anche a chi voce in capitolo non ne ha.
    L’obbiettivo dei volontari è quello di educare le persone al rispetto nei confronti degli animali; pertanto, sperano che sempre più persone si lascino coinvolgere dalle attività del volontariato animalista, aiutandoli nella raccolta dei fondi da investire nelle spese di alimenti e medicinali, e soprattutto aiutandoli nella ricerca di adottanti che siano pronti ad accogliere i nostri amici fedeli nel calore della loro famiglia.

  13. Prima tappa: trasparenza e partecipazione.

    Il gruppo di attivisti del MoVimento 5 Stelle di Marigliano ha protocollato una richiesta affinché l’Amministrazione si attivi per video trasmettere le adunanze del Consiglio Comunale in diretta streaming sul sito web del Comune.

    I cittadini entrerebbero nell’ Aula Consiliare da casa propria. Inoltre abbiamo chiesto di consentire le riprese audio-visive anche alle Associazioni di cittadini che, senza scopo di lucro, intendano divulgare i lavori del Consiglio Comunale al fine di una maggiore partecipazione popolare.

    Di recente, il 18 Gennaio, è stata anche protocollata la petizione sugli istituti di partecipazione popolare, è il primo passo verso il raggiungimento della partecipazione diretta di noi cittadini alla vita politica e sociale locale.

    Attenderemo la risposta dell’Amministrazione comunale prevista entro 40 giorni dalla richiesta. Ringraziamo i 300 cittadini che hanno apposto la loro firma per la crescita democratica della Città.

    MoVimento Cinque Stelle Marigliano

  14. A Marigliano Vogliamo Tutto! Vogliamo una Rivoluzione Civile!

    Il circolo territoriale del Partito della Rifondazione Comunista dà inizio alla campagna elettorale in sostegno della lista Rivoluzione civile – Ingroia. Domenica 27 gennaio dalle ore 9:30 saremo in Piazza Municipio a Marigliano con l’allestimento della mostra Fumetti Rivoluzionari e l’organizzazione di un volantinaggio di propaganda.

    Il Partito della Rifondazione Comunista ha aderito insieme ad altri cinque soggetti politici (Verdi, Italia dei valori, Comunisti Italiani, Movimento arancione di Luigi De Magistris e il movimento nato dall’appello Cambiare si può) al progetto Rivoluzione Civile in cui sono confluite le ragioni programmatiche che abbiamo sostenuto in questi ultimi anni di militanza: a partire dalla difesa dei diritti sul lavoro e dei beni pubblici come l’acqua, fino ad arrivare alla recente raccolta di firme a sostegno dei referendum contro l’innalzamento dell’età pensionabile, per il ripristino dell’art. 18 dello Statuto dei lavoratori, per l’abrogazione dell’art. 8 del decreto legge n. 138 del 2011 che ha cancellato il valore universale dei diritti previsti dal contratto nazionale di lavoro, e l’eliminazione della diaria assegnata ai parlamentari.

    Con la lista Rivoluzione civile, che esprime la candidatura alla Presidenza del Consiglio di Antonio Ingroia vogliamo realizzare una rivoluzione civile per attuare i principi di uguaglianza, libertà e democrazia della Costituzione repubblicana.
    Vogliamo realizzare un “nuovo corso” delle politiche economiche e sociali, a partire dal mezzogiorno, alternativo tanto all’iniquità e alla corruzione del ventennio berlusconiano, quanto alla distruzione dei diritti sociali, del lavoro e dell’ambiente che ha caratterizzato il governo Monti.
    Di seguito una sintesi del programma che sosteniamo.
    VOGLIAMO UNA RIVOLUZIONE CIVILE:
    • Vogliamo un’Europa autonoma dai poteri finanziari e una riforma democratica delle sue istituzioni. Siamo contrari al Fiscal Compact che taglia di 47 miliardi l’anno per i prossimi venti anni la spesa, pesando sui lavoratori e sulle fasce deboli, distruggendo ogni diritto sociale, con la conseguenza di accentuare la crisi economica.
    • per la legalità e una nuova politica antimafia che abbia come obiettivo ultimo non solo il contenimento ma l’eliminazione della mafia, che va colpita nella sua struttura finanziaria e nelle sue relazioni con gli altri poteri, a partire da quello politico.
    • Affermiamo la laicità dello Stato e il diritto all’autodeterminazione della persona umana. Siamo per una cultura che riconosca le differenze. Aborriamo il femminicidio, contrastiamo ogni forma di sessismo e siamo per la democrazia di genere. Contrastiamo l’omofobia e vogliamo il riconoscimento dei diritti civili, degli individui e delle coppie, a prescindere dal genere. Contrastiamo ogni forma di razzismo e siamo per la cittadinanza di tutti i nati in Italia e per politiche migratorie accoglienti;
    • Non vogliamo più donne e uomini precari. Siamo per il contratto collettivo nazionale, per il ripristino dell’art. 18 e per una legge sulla rappresentanza e la democrazia nei luoghi di lavoro. Vogliamo creare occupazione attraverso investimenti in ricerca e sviluppo, politiche industriali che innovino l’apparato produttivo e la riconversione ecologica dell’economia. Vogliamo introdurre un reddito minimo per le disoccupate e i disoccupati. Vogliamo che le retribuzioni italiane aumentino a partire dal recupero del fiscal drag e dalla detassazione delle tredicesime. Vogliamo difendere la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro;
    • Deve partire un grande processo di rinascita del Paese, liberando le imprese dal vincolo malavitoso, dalla burocrazia soffocante. Vanno premiate fiscalmente le imprese che investono in ricerca, innovazione e creano occupazione a tempo indeterminato.
    • Va cambiato l’attuale modello di sviluppo, responsabile dei cambiamenti climatici, del consumo senza limiti delle risorse, di povertà, squilibri e guerre. Va fermato il consumo del territorio, tutelando il paesaggio, archiviando progetti come la TAV in Val di Susa e il Ponte sullo Stretto di Messina. Va impedita la privatizzazione dei beni comuni, a partire dall’acqua. Va valorizzata l’agricoltura di qualità, libera da ogm, va tutelata la biodiversità e difesi i diritti degli animali. Vanno creati posti di lavoro attraverso un piano per il risparmio energetico, lo sviluppo delle rinnovabili;
    • Vogliamo eliminare l’IMU sulla prima casa, estenderla agli immobili commerciali della chiesa e delle fondazioni bancarie, istituire una patrimoniale sulle grandi ricchezze. Vogliamo colpire l’evasione e alleggerire la pressione fiscale nei confronti dei redditi medio-bassi. Vogliamo rafforzare il sistema sanitario pubblico e universale ed un piano per la non-autosufficienza. Vogliamo il diritto alla casa e il recupero del patrimonio edilizio esistente. Vogliamo un tetto massimo per le pensioni d’oro e il cumulo pensionistico. Vogliamo abrogare la controriforma pensionistica della Fornero, eliminando le gravi ingiustizie generate, a partire dalla questione degli “esodati”;
    • Affermiamo il valore universale della scuola, dell’università e della ricerca pubbliche. Vogliamo garantire a tutte e tutti l’accesso ai saperi, perché solo così è possibile essere cittadine e cittadini liberi e consapevoli, recuperando il valore dell’art. 9 della Costituzione, rendendo centrali formazione e ricerca. Vogliamo valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico.
    • Va ricondotta la funzione dell’esercito alla lettera e allo spirito dell’articolo 11 della Costituzione a partire dal ritiro delle truppe italiane impegnate nei teatri di guerra. Vanno tagliate le spese militari a partire dall’acquisto dei cacciabombardieri F35;
    • Vogliamo l’incandidabilità dei condannati e di chi è rinviato a giudizio per reati gravi, finanziari e contro la pubblica amministrazione. Vogliamo eliminare i privilegi della politica, la diaria per i parlamentari.

    Circolo del Partito della Rifondazione Comunista – Marigliano
    Per info: prc.marigliano@gmail.com

  15. Domani Sabato 29 Dicembre, si celebrano le Primarie dei Parlamentari del Partito Democratico. Possono votare tutti coloro che hanno partecipato alle primarie di Italia Bene Comune del 25 Novembre e i tesserati del Pd del 2011. Anche se non molto pubblicizzata dai media nazionali, è questa un occasione importante che ad oggi , anche se in tempi molto rapidi, è stata messa in campo unicamente dal Partito Democratico.
    Per informazione, il voto sara su scala provinciale (nel nostro caso Campania 1, che comprende Napoli e provincia), è possibile esprimere 2 preferenze, obbligatoriamente una maschile e una femminile. A Marigliano ci sarà un unico seggio allestito nella sede PD di corso Umberto I per tutte le sezioni elettorali e si voterà dalle 8,00 alle 21,00 provvisti di un documento di identità.
    Sfruttiamo questa occasione, lasciamo a casa un po di pigrizia e domani rechiamoci al seggio per dimostrare che ognuno di noi può contare e scegliere il rinnovamento!

  16. L’amministrazione comunale di Marigliano, in collaborazione con l’Associazione culturale Skidoo presenta la prima edizione di MARIGLIANO IN JAZZ WINTER. La manifestazione si volgerà nell’Aula consiliare del Comune in piazza Municipio dal 27 al 29 dicembre prossimi. GRANDE ANTEPRIMA DI MUSICA CLASSICA. ORE 20.30 INGRESSO LIBERO
    PROGRAMMA:

    27 DICEMBRE – GIUSEPPE DEVASTATO PIANO SOLO – “L’art di chant applique au piano” Musiche di: A. Scriabin, S. Rachmaninov, G. Devastato, S.Thalberg

    28 DICEMBRE – ROSARIO GIULIANI QUARTET
    Rosario Giuliani – Sax contralto
    Michele Di Martino – Pianoforte
    Daniele Sorrentino – contrabbasso
    Giovanni Scasciamacchia- Batteria

    29 DICEMBRE – FRANCESCO MARZIANI/FLAVIO DAPIRAN DUO
    Francesco Marziani – Pianoforte
    Flavio Dapiran – Tromba

    a seguire:

    HUB QUARTET

    Rocco Zaccagnino: Accordeon
    Bruno Tescione: Chitarra
    Gianluigi Pennino: Contrabbasso
    Giuseppe D’Alessandro: Batteria

  17. Marigliano: sono aperte le sottoscrizioni a sostegno della presentazione delle liste dei candidati del MoVimento 5 Stelle per le imminenti Elezioni Politiche del 2013.

    Segnaliamo a tutti i cittadini di Marigliano che da Lunedì 17 Dicembre presso l’Ufficio Elettorale del nostro Comune, è possibile apporre la firma per dare la possibilità al M5S di presentare le liste dei candidati per le prossime Elezioni Politiche, al di là delle proprie intenzioni di voto.
    Orari: dal Lunedì al Venerdì 9:00-13:00 il Martedì e Giovedì anche 16:00-18:00.

    Note tecniche per la firma: presentarsi con valido documento d’identità; Essere residenti nel Comune di Marigliano; Possono firmare tutti coloro che sono maggiorenni (possono firmare per le liste della Camera Dei Deputati) e coloro che hanno compiuto 25 anni (possono firmare per le liste del Senato e Camera dei Deputati); Non aver sottoscritto altre liste di altro Movimento.

    Il tentativo dei partiti arroccati in Parlamento, uniti per impedire l’ingresso del M5S alla Camera e al Senato, si scontra con la voglia dei cittadini di sostenere il MoVimento Cinque Stelle. Siamo in una fase molto delicata per il futuro del Paese, le elezioni sono state incredibilmente anticipate a Febbraio e per poter presentare le nostre liste alle elezioni politiche del 2013 servono 12.000 firme in tutta la Campania in forse meno di un mese.

    L’eventuale mancata presentazione dei nostri candidati significherebbe privare ad una parte ampia o meno ampia ma pur sempre importante, del diritto di scegliere i propri rappresentanti e le proprie idee, venendo meno quindi al principio di sovranità popolare che è garantito dalla nostra Costituzione. Ci appelliamo all’elettorato attivo di Marigliano affinché si realizzi anche in questa città la più alta forma di democrazia l’espressione e la libertà di voto. Dimostriamo all’Italia intera che Marigliano è una città libera da clientelismi, pregiudizi e caste, ci appelliamo agli stessi politici ad essere paladini di questa battaglia democratica così da poter dimostrare che non si ha paura di nessun tipo di confronto.
    L’anticipo oltre ogni misura della data delle elezioni politiche altro non è che un’occasione per impedire al MoVimento di riuscire a raccogliere le firme necessarie per presentare le liste per la Camera ed il Senato. I partiti presenti in parlamento, infatti, sono esentati da questa raccolta firme e giocano sull’anticipo dei termini di presentazione della documentazione per escludere il M5S. I cittadini sembrano averlo capito ed in tutta Italia ordinatamente si mettono in coda per dare il loro contributo alla democrazia.
    Per conoscere i candidati ecco i Link dei candidati del M5S di Napoli e provincia:
    https://www.beppegrillo.it/votazioni/candidati/circoscrizione_19.html
    candidati M5S di tutta Italia:
    https://www.beppegrillo.it/votazioni/candidati/elenco_circoscrizioni.php

    per contribuire alla stesura del programma iscriversi su: http://www.movimento5stelle.it

    N.B.: anche a San Vitaliano si può firmare Martedì 18 Dicembre dalle ore 15:00 alle ore 18:00 presso l’Ufficio Anagrafe/Elettorale del Comune di San Vitaliano.

    MoVimento Cinque Stelle Marigliano

  18. LE MOZZARELLE DELLA LEGALITA’

    Prodotte nel nome di Don Peppino Diana, il giovane sacerdote nato e cresciuto a Casal di Principe, dominio dei Casalesi, assassinato nel ’94 a causa della sua attività anticamorra. Per ricordare il suo sacrificio è nata la cooperativa “Le terre di don Peppe Diana” che produce le “mozzarelle della legalità” in un caseificio realizzato in un casolare sequestrato alla camorra.

    La nostra associazione, la POPULORUM PROGRESSIO, si è messa in contatto con la cooperativa e sta effettuando ordini settimanali
    di mozzarelle e ricotta. La consegna avviene ogni Giovedì o Venerdì nel tardo pomeriggio presso il Punto Equo in via Nicotera a Marigliano.
    La prossima consegna è prevista per Venerdì 21 Dicembre. Sarà l’ultima prima di Natale, poi riprenderemo il 3 Gennaio.
    Chi è interessato deve comunicarci l’ordine entro le ore 12 di Martedì con un commento o un messaggio privato
    I prezzi sono i seguenti:

    €\kg 10 la mozzarella
    €\kg 7 per la ricotta

    Ecco un video che spiega il progetto:

    Vi segnalo inoltre la pagina facebook dell’evento
    https://www.facebook.com/events/164450377030309/

    e della nostra cooperativa/associazione
    https://www.facebook.com/pages/Populorum-Progressio/364281893665735

  19. Salve, sono Antonio Maione, titolare della ludoteca Il Bosco di Merlino sita in Via Giotto 24. Volevo segnalare lo stato di abbandono e di degrado della suddetta strada allegando alcune foto scattate domenica e stamattina proprio di fronte all’ingresso della mia struttura. I cassonetti sono condominiali ma ne usufruiscono tutti, ovviamente non rispettando il calendario della raccolta differenziata. Alcuni condomini giocano al tiro al bersaglio dal 4 o 5 piano (una volta una “sacchetta” mi stava colpendo in testa) ed i numerosi appelli all’amministratore di condominio, Sindaco, Vigili Urbani sono caduti nel vuoto. Ora la situazione non è + tollerabile, e non parlo solo dei danni economici che tutto ciò mi sta arrecando (una mamma non porterebbe il proprio figlio in mezzo alla “munnezza”) ma parlo anche di salute in generale nochè di pubblico decoro. Ho altre foto che testimoniano come davanti alla mia ludoteca sono stati abbandonati per giorni rifiuti pericolosi (come batterie di automobili) , ingombranti (materassi lasciati proprio davanti alle finestre della mia ludoteca,televisioni, mobili, sedie, armadi). Sto preparando un esposto all’Asl per risolvere il problema. Vi terro’ aggiornati sulla situazione. Grazie per l’attenzione. Distinti saluti.

    http://www.facebook.com/ajax/messaging/attachment.php?attach_id=c90aa9c4d967570e7d5a7276c44eab44&mid=id.213815608754340&hash=AQDFLie8EbOioUGK

    http://www.facebook.com/ajax/messaging/attachment.php?attach_id=60a1c0f8af2469e13038e2ad4a5e36f6&mid=id.213815608754340&hash=AQA38LBN7zR29aFX

    http://www.facebook.com/ajax/messaging/attachment.php?attach_id=d5f4bd2b2e5366a4f77f9a85a8ab5210&mid=id.213815608754340&hash=AQCUot4vSg13ILwP

  20. Referendum Lavoro, Pensioni e Diaria. Contro precariato, ingiustizie e privilegi.
    Per l’occupazione, i diritti e la democrazia

    Il Circolo territoriale del Partito della Rifondazione Comunista organizza per domenica 9 dicembre una raccolta firme in sostegno della campagna referendaria su lavoro, pensioni e diaria. Domenica saremo a Marigliano, in Piazza Municipio a partire dalle ore 9:30 alle 14.
    A seguito dell’eccezionale vittoria del referendum votato il 12 e 13 giugno 2011 in sostegno dell’acqua pubblica ci si è resi conto della forza che può avere il sistema referendario della partecipazione popolare per opporsi ai provvedimenti governativi che minacciano l’interesse generale e i beni comuni: lavoro, occupazione, pensioni, diritti, democrazia.
    Per contrastare dunque le recenti manovre su lavoro e pensioni il Partito della Rifondazione Comunista, insieme ad una variegata rappresentanza partitica e di movimento, si è impegnato da promotore nella campagna di raccolta firme per indire 4 referendum, 2 sul tema delle pensioni e 2 sul tema del lavoro. Vi è un impegno inoltre a sostenere un referendum sulla casta promosso dall’Italia dei Valori.
    PENSIONI: Due referendum abrogativi che intervengono sulle norme inique introdotte dai governi Berlusconi e Monti. La recente “riforma” delle pensioni di Monti e Fornero ha provocato l’innalzamento dell’età pensionabile allungando di sei anni e più il tempo di lavoro. L’obiettivo in prospettiva è quello di smantellare il sistema pubblico a favore dei fondi privati. A pagarne le spese saranno: la maggioranza dei lavoratori oggi vicini ai 60 anni, che dovranno continuare fino ai 67/70 anni; le donne su cui grava il peso del doppio o triplo lavoro produttivo, riproduttivo e domestico; i giovani che saranno ancora più a lungo disoccupati perché si restringeranno le prospettive di ingresso nel mondo del lavoro del nostro Paese caratterizzato da una disoccupazione giovanile del 35% che al sud aumenta in modo spaventoso soprattutto tra le donne.
    LAVORO: Due referendum abrogativi che si riferiscono all’articolo 8 del decreto legge del 13 agosto 2011, n. 138 e all’aticolo 18 dello Statuto dei lavoratori.
    Con l’abrogazione dell’art. 8 intendiamo ristabilire la certezza dei diritti previsti e conquistati dal contratto nazionale di lavoro minacciati dal governo Berlusconi che con un decreto legge dell’agosto del 2011 (poi convertito in legge) ha limitato drasticamente la centralità del contratto nazionale, rimandando agli accordi aziendali materie importantissime quali la classificazione e l’inquadramento del personale, le mansioni, la disciplina dell’orario di lavoro, i contratti a termine, i contratti a orario ridotto, il ricorso alla somministrazione di lavoro e la modalità di assunzione e la disciplina del rapporto di lavoro.
    Con il referendum parzialmente abrogativo sull’art. 18 si vuole restituire all’articolo la sua versione originaria che per anni ha contraddistinto lo Statuto dei lavoratori, il frutto delle conquiste storiche del movimento operaio italiano. Il governo Monti ha deciso di aggredire questi diritti modificando infatti l’articolo che imponeva il reintegro del lavoratore licenziato senza giusta causa o giustificato motivo a fronte di una sentenza del giudice favorevole al lavoratore stesso. La modifica dell’art. 18 mira a rendere di conseguenza maggiormente ricattabili e precari tutti i lavoratori.
    CASTA E DIARIA: Intendiamo eliminare la diaria spettante ai parlamentari che in questo modo godono del doppio stipendio. Riteniamo inaccettabili questi privilegi della casta così come riteniamo scandaloso che ci siano super-manager e super-padroni che guadagnano 100-1000 volte il salario di un lavoratore. Noi pensiamo che la buona politica sia lottare per l’eguaglianza e la giustizia sociale.
    Circolo Territoriale Rifondazione Comunista

  21. RADIO ENTROPIA’S METAFORA & TAMMORRA…la serenità dell’arte.
    Arriva sulle frequenze di Radio Entropia il nuovo programma dedicato alla musica etnica/popolare condotto ed ideato da Giuseppe D’Angelo.
    Nuovissima rubrica dove molti si chiederanno il perché di questa scelta.
    E’ stata scelta la “Metafora” per svegliare le coscienze e al colpo della “Tammorra” svegliare i popoli dal lungo torpore culturale che li rende succubi e schiavi.
    Il colpo della tammorra rappresenta il battito del nostro cuore, una musica che sana il cuore che crea una simbiosi con il ritmo della tammurriata diventando un momento di gioia che fa bene alla nostra vita. Una contaminazione associata ai canti d’amore e di lotta dei popoli del sud e del mondo che si delinea come un viaggio alla scoperta delle nostre radici e delle nostre tradizioni.
    Sono stati ospiti nelle scorse puntate: La Paranza del Criscito,Alessio Malinconico e Giovanni Porcelli dell’Ass.”Ya basta” di Scisciano, Angelo Iannelli, Presidente dell’Ass.Culturale Vesuvius di Brusciano(NA) che presenterà il suo libro “Meraviglie dell’anima”. Attore, poeta e regista teatrale. Artista poliedrico impegnato nel sociale dedito a rafforzare l’identità locale grazie alle sue infinite doti morali,umane ed artistiche. E’ interprete della maschera di Pulcinella.
    Prossimamente saranno ospiti Emilio Vittozzi e Tonino Scala che presenteranno il loro libro scritto a “4 mani” intitolato “Quella sporca dozzina”.
    Dove avverrà tutto questo? Ai microfoni di Radio Entropia a Marigliano(NA)!
    Un’emittente radiofonica che, da oltre due anni, si batte per cambiare le cose, per sradicare il vecchio modo di approcciare alla musica.
    Partendo dal concetto di base che tutta la Musica può essere diffusa in qualsiasi momento, Radio Entropia ha ampliato il concetto di “chaos musicale” inserendo programmi “in diretta” che seguono questa filosofia!
    Radio Entropia è la web radio italiana più ascoltata, l’unica ad avere una sede, che paga le utenze, l’unica ad approcciare in maniera imprenditoriale alla Musica Indipendente.
    La sede di Marigliano è un vero e proprio luogo d’incontro dove scambiarsi opinioni e considerazioni.
    Una novità di questa trasmissione saranno anche le vostre poesie. Inviate il vostro materiale,anche inedito a peppedangelo7@hotmail.it.
    L’appuntamento è tutti i Martedi alle ore 18!!!
    Stay tuned on… http://www.radioentropia.it e http://www.radioentropia.co.uk
    https://www.facebook.com/RadioEntropia.Metafora.Tammorra

    Video:

  22. L’ASSOCIAZIONE DI.VO.-MUSICANDO INSIEME

    VENERDì 26 OTTOBRE PRESSO IL CENTRO POLIVALENTE DI MARIGLIANO SI è TENUTA UNA SERATA DI BENEFICENZA organizzata dalla Associciazione Di.Vo. , componente della Consulta delle Associazioni, da anni operativa sul territorio a favore dei diversamente abili.

    La manifestazione aveva l’obiettivo di raccogliere fondi per l ‘acquisto di strumenti musicali per i ragazzi che partecipano ad un progetto musicale atto a favorire la loro integrazione sociale e al contempo, valorizzare le loro capacità di aggregazione e partecipazione ad eventi.

    Il successo della serata è stato assicurato dalla partecipazione di molte persone che hanno dimostrato di credere realmente nell’operato e negli obiettivi dell’associazione DI.VO. Ad allietare la serata sono intervenuti vari artisti, sensibili alle problematiche sociali.
    Ha introdotto la serata la presidente dell’associazione, Dott.ssa Franca Esposito, che dopo i ringraziamenti di rito ha ricordato l’attività dell’associazione.
    E’ seguito un bellissimo momento musicale con Angelo Cardone e la pianista Antonietta Panico; bella l’esibizione del nostro concittadino Angelo Iannelli che ha messo in scena il suo “Pulcinella”, molto divertente e coinvolgente è stata l’esibizione di Marcello Colasurdo , il quale, accompagnato da gruppi di Tammorre e ballerini, si è esibito in un repertorio assai piacevole e festoso che ha coinvolto il folto pubblico.
    Tra i presenti l’assessore alle politiche sociali Dott. Vincenzo Caprio, in rappresentanza dell’amministrazione comunale e la dott.ssa Giovanna Giaquinto, in rappresentanza della Consulta delle associazioni.

    l’Associazione Di.Vo. ieri sera ha completato un’opera d’arte.ribadisce la Presidente , si è conclusa, con la soddisfazione di tutti, la 3° edizione di Musicando Insieme.

    Qualcuno potrebbe dire: “E che ci voleva! Hanno organizzato una festa!”.

    L’opera non e’ stato solo invitare qualche persona a mangiare una pizza e far si che si divertisse durante la serata, ma coinvolgere centinaia di persone a lavorare, collaborare, studiare, discutere, confrontarsi con l’unico scopo di motivare altre persone a dare un contributo di qualsiasi natura e renderli consapevoli che non stavano solo acquistando una pizza ma partecipavano in prima persona ad un’attività reale dell’Associazione Di.Vo. -il Corso di Musicoterapia per disabili e volontari-.

    Un ringraziamento a tutti i partecipanti, i musicisti, gli artisti, quelli che hanno pulito la sala, quelli che hanno reso disponibile la strumentazione, quelli che hanno servito ai tavoli, quelli che hanno accompagnato i disabili, i giornalisti, i fotografi, le autorità intervenute ed infine alla Dott.ssa Franca Esposito (per tutti noi solo Franca) che ha profuso tutte le sue energie senza risparmiarsi per sostenere noi tutti ad aiutare gli altri.

    Un grazie di cuore a Giovanna, Antonio, Gennaro, Rosario, Natascia, Titti, Teresa, Giusy, Roberto, Nello, Ihor, Rosaria, Rosa, Mariateresa, Nando, Giovanni, Calogero, Anna, Angelo, Antonietta, Marcello, Giuseppina, Michele, Pasquale, Salvatore, Francesco, Gioacchino, Stanislao, Cristian, Mena, Carmine, Massimo, Giuseppe, Enrico, Santolo, Felice, Oxana, Michele, Maria, Carmela, Mariapia, Antonella, Pina, Gaetana, Giulio, Pietro, Alberto, Mimmo.

    Non finisce quà.

    Noi siamo già pronti a partire per un’altro evento che si terra’ a fine Novembre, lo scopo è sempre lo stesso “divertirci insieme per aiutare gli altri”, un vostro incoraggiamento ci servirà a fare di meglio. Vi terremo aggionati su queste pagine. Arrivederci

    Per info e contatti : http://www.associazionedivo.org

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: